lunedì 30 marzo 2020

Lunedì dopo la Domenica di Passione da Toledo (Spagna)


Santa Messa bassa con predica senza concorso di popolo seguita dalla recita delle Rogazioni (in streaming).
Dalla chiesa del Salvatore a Toledo (Spagna).


LINK ALLA SANTA MESSA dal seguente profilo
verso le 10:00.


VANGELO

In illo témpore: Misérunt príncipes et pharisǽi minístros, ut apprehénderent Iesum. Dixit ergo eis Iesus: Adhuc módicum tempus vobíscum sum: et vado ad eum, qui me misit. Quærétis me, et non inveniétis: et ubi ego sum, vos non potéstis veníre. Dixérunt ergo Iudæi ad semetípsos: Quo hic itúrus est, quia non inveniémus eum? numquid in dispersiónem géntium itúrus est, et doctúrus gentes? Quis est hic sermo, quem dixit: Quærétis me, et non inveniétis: et ubi sum ego, vos non potéstis veníre? In novíssimo autem die magno festivitátis stabat Iesus, et clamábat, dicens: Si quis sitit, véniat ad me et bibat. Qui credit in me, sicut dicit Scriptúra, flúmina de ventre eius fluent aquæ vivæ. Hoc autem dixit de Spíritu, quem acceptúri erant credéntes in eum.

(Vangelo secondo Giovanni 7, 32 - 39)

Traduzione:

In quel tempo i principi ed i Farisei mandarono delle guardie per arrestare Gesù. Allora Gesù disse loro: «Ancora· per poco tempo io sto fra voi; poi me ne vado da chi mi ha mandato. Mi cercherete e non mi troverete; e dove son io voi non potete venire». Dicevano perciò tra loro i Giudei: «Dove mai andrà, che non lo troveremo? Andrà forse ai dispersi tra le nazioni, ad insegnare ai pagani? Che significa questo suo dire: Voi mi cercherete e non mi troverete; e dove io sono non potete venire?». Nell'ultimo giorno poi, che è il più solenne della festa, Gesù, ritto in piedi, disse ad alta voce: «Chi ha sete venga a me e beva. Dal seno di chi crede in me, come dice la Scrittura, scaturiranno fiumi d'acqua viva». Diceva questo dello Spirito che dovevano ricevere i credenti in lui.

domenica 29 marzo 2020

Domenica di Passione a Toledo (Spagna)


Santa Messa letta con predica alle ore 10:00. 
Una seconda Santa Messa (letta con cantici) alle ore 19:00.
In diretta streaming dalla chiesa del Salvatore a Toledo (Spagna) dal presente profilo:








VANGELO

In illo témpore: Dicébat Iesus turbis Iudæórum: Quis ex vobis árguet me de peccáto? Si veritátem dico vobis, quare non créditis mihi? Qui ex Deo est, verba Dei audit. Proptérea vos non audítis, quia ex Deo non estis. Respondérunt ergo Iudæi et dixérunt ei: Nonne bene dícimus nos, quia Samaritánus es tu, et dæmónium habes? Respóndit Iesus: Ego dæmónium non hábeo, sed honorífico Patrem meum, et vos inhonorástis me. Ego autem non quæro glóriam meam: est, qui quærat et iúdicet. Amen, amen, dico vobis: si quis sermónem meum serváverit, mortem non vidébit in ætérnum. Dixérunt ergo Iudæi: Nunc cognóvimus, quia dæmónium habes. Abraham mórtuus est et Prophétæ; et tu dicis: Si quis sermónem meum serváverit, non gustábit mortem in ætérnum. Numquid tu maior es patre nostro Abraham, qui mórtuus est? et Prophétæ mórtui sunt. Quem teípsum facis? Respóndit Iesus: Si ego glorífico meípsum, glória mea nihil est: est Pater meus, qui gloríficat me, quem vos dícitis, quia Deus vester est, et non cognovístis eum: ego autem novi eum: et si díxero, quia non scio eum, ero símilis vobis, mendax. Sed scio eum et sermónem eius servo. Abraham pater vester exsultávit, ut vidéret diem meum: vidit, et gavísus est. Dixérunt ergo Iudæi ad eum: Quinquagínta annos nondum habes, et Abraham vidísti? Dixit eis Iesus: Amen, amen, dico vobis, antequam Abraham fíeret, ego sum. Tulérunt ergo lápides, ut iácerent in eum: Iesus autem abscóndit se, et exívit de templo.

(Vangelo secondo Giovanni 8, 46 - 59)

Traduzione:

In quel tempo: Gesù disse alla folla dei Giudei: Chi di voi può accusarmi di peccato? Se vi dico la verità perché non mi credete? Chi è da Dio ascolta la parola di Dio. Per questo voi non l’ascoltate: perché non siete da Dio. Ma i Giudei gli rispòsero: Non abbiamo forse ragione di dire che sei un Samaritano e un posseduto dal demònio? Gesù rispose: Non sono posseduto dal demònio, bensí onoro il Padre mio e voi mi insultate. Io non cerco la gloria per me, c’è chi la cerca e giúdica. In verità, in verità vi dico: chi osserverà la mia parola non vedrà la morte in eterno. I Giudei gli díssero: Ora sappiamo per certo che sei posseduto dal demònio. Abramo è morto e pure i profeti, e tu dici: Chi osserverà la mia parola non vedrà la morte in eterno. Sei forse più grande del nostro padre Abramo, che è morto, o dei profeti, che sono pure morti? Chi pretendi di essere? Gesù rispose: Se mi glorífico da me stesso, la mia gloria è nulla; chi mi glorífica è il Padre mio che voi dite essere vostro Dio. Voi non lo conoscete, ma io lo conosco, e se dicessi di non conòscerlo sarei un bugiardo, come voi. Ma lo conosco e osservo la sua parola. Abramo, vostro padre, agognò di vedere il mio giorno: lo vide e ne gioí. I Giudei gli díssero: Non hai ancora cinquantanni e hai visto Abramo? Gesù rispose: In verità, in verità vi dico: prima che Abramo fosse, io sono. Allora raccòlsero delle pietre per scagliarle contro di lui, ma Gesù si nascose ed uscí dal tempio.

Omelia (in spagnolo):



Introito alla Santa Messa letta con cantici della sera:



Offertorio alla Santa Messa letta con cantici della sera:



Communio alla Santa Messa letta con cantici della sera:



Canto finale alla Beata Vergine Dolorosa:





----------------------------------------------


Segui e condividi la nuova Pagina Facebook:

sabato 28 marzo 2020

Sabato dopo la IV domenica di Quaresima a Toledo (Spagna)


Santa Messa bassa con predica. Diretta streaming dalla chiesa del Savatore a Toledo (Spagna) dal seguente profilo: https://www.facebook.com/profile.php?id=100010056460720


VANGELO

In illo témpore: Locútus est Iesus turbis Iudæórum, dicens: Ego sum lux mundi: qui séquitur me, non ámbulat in ténebris, sed habébit lumen vitæ. Dixérunt ergo ei pharisæi: Tu de te ipso testimónium pérhibes: testimónium tuum non est verum. Respóndit Iesus et dixit eis: Et si ego testimónium perhíbeo de meípso, verum est testimónium meum: quia scio, unde veni et quo vado: vos autem nescítis, unde vénio aut quo vado. Vos secúndum carnem iudicátis: ego non iúdico quemquam: et si iúdico ego, iudícium meum verum est, quia solus non sum: sed ego et, qui misit me, Pater. Et in lege vestra scriptum est, quia duórum hóminum testimónium verum est. Ego sum, qui testimónium perhíbeo de meípso: et testimónium pérhibet de me, qui misit me, Pater. Dicébant ergo ei: Ubi est Pater tuus? Respóndit Iesus: Neque me scitis neque Patrem meum: si me sciretis, fórsitan et Patrem meum scirétis. Hæc verba locútus est Iesus in gazophylácio, docens in templo: et nemo apprehéndit eum, quia necdum vénerat hora eius.

(Vangelo secondo Giovanni 8, 12 - 20)

Traduzione:

Allora cosi parlò Gesù alle turbe dei Giudei: «Io sono la luce del mondo: chi mi segue non camminerà nelle tenebre; ma avrà la luce della vita». Gli dissero allora i Farisei: «Tu rendi testimonianza di te stesso: la tua testimonianza non vale». Gesù replicò loro: «Anche se io rendo testimonianza di me stesso, è valida la mia testimonianza, perché so donde io venga, e dove io vada. Voi giudicate secondo la carne: io non giudico nessuno; ma se giudico io, il mio giudizio è retto, perché non sono solo, ma con me è il Padre che mi ha inviato. E nella vostra legge, sta appunto scritto che è valida la testimonianza di due persone. Or a render testimonianza di me stesso, ci sono io ed il Padre che mi ha mandato». Gli dissero allora: «Dov'è tuo Padre?». Rispose Gesù: «Non conoscete né me, né il mio Padre; se conosceste me, conoscereste pure il mio Padre». Tali parole disse Gesù nel gazofilacio, insegnando nel tempio, e nessuno lo prese, perché non era ancora giunta l'ora sua.


Omelia (in spagnolo):



Inno Vexilla Regis ai Vespri di oggi che introducono al Tempo di Passione:



Canto del Te Lucis ante terminum alla Compieta di oggi (tono del Tempo di Passione):



----------------------------------------------


Segui e condividi la nuova Pagina Facebook:

venerdì 27 marzo 2020

Venerdì dopo la IV domenica di Quaresima a Toledo (Spagna)


Santa Messa bassa con predica senza concorso di popolo seguita dalla recita delle Rogazioni (in streaming).
Dalla chiesa del Salvatore a Toledo (Spagna).


LINK ALLA SANTA MESSA dal seguente profilo
verso le 12:15.



Giovanni Antonio de' Sacchis, Resurrezione di Lazzaro, Museo del Castello di Praga, 1525.

(photo by Francesco Bianco)


VANGELO

In illo témpore: Erat quidam languens Lázarus a Bethánia, de castéllo Maríæ et Marthæ, soróris eius. (María autem erat, quæ unxit Dóminum unguento, et extérsit pedes eius capíllis suis: cuius frater Lázarus infirmabátur.) Misérunt ergo soróres eius ad eum, dicéntes: Dómine, ecce, quem amas infirmátur. Audiens autem Iesus, dixit eis: Infírmitas hæc non est ad mortem, sed pro glória Dei, ut glorificétur Fílius Dei per eam. Diligébat autem Iesus Martham et sorórem eius, Maríam, et Lázarum. Ut ergo audívit, quia infirmabátur, tunc quidem mansit in eódem loco duóbus diébus. Déinde post hæc dixit discípulis suis: Eámus in Iudæam íterum. Dicunt ei discípuli: Rabbi, nunc quærébant te Iudæi lapidáre, et íterum vadis illuc? Respóndit Iesus: Nonne duódecim sunt horæ diéi? Si quis ambuláverit in die, non offéndit, quia lucem huius mundi videt: si autem ambuláverit in nocte, offéndit, quia lux non est in eo. Hæc ait, et post hæc dixit eis: Lázarus, amícus noster, dormit: sed vado, ut a somno éxcitem eum. Dixérunt ergo discípuli eius: Dómine, si dormit, salvus erit. Díxerat autem Iesus de morte eius: illi autem putavérunt, quia de dormitióne somni díceret. Tunc ergo Iesus dixit eis maniféste: Lazarus mórtuus est: et gáudeo propter vos, ut credátis, quóniam non eram ibi: sed eámus ad eum. Dixit ergo Thomas, qui dícitur Dídymus, ad condiscípulos: Eámus et nos, ut moriámur cum eo. Venit itaque Iesus, et invénit eum quátuor dies iam in monuménto habéntem. (Erat autem Bethánia iuxta Ierosólymam quasi stádiis quíndecim.) Multi autem ex Iudæis vénerant ad Martham et Maríam, ut consolaréntur eas de fratre suo. Martha ergo, ut audívit quia Iesus venit, occúrrit illi: María autem domi sedébat. Dixit ergo Martha ad Iesum: Dómine, si fuísses hic, frater meus non fuísset mórtuus: sed et nunc scio, quia, quæcúmque popósceris a Deo, dabit tibi Deus. Dicit illi Iesus: Resúrget frater tuus. Dicit ei Martha: Scio, quia resúrget in resurrectióne in novíssimo die. Dixit ei Iesus: Ego sum resurréctio et vita: qui credit in me, etiam si mórtuus fúerit, vivet: et omnis, qui vivit et credit in me, non moriétur in ætérnum. Credis hoc? Ait illi: Utique, Dómine, ego crédidi, quia tu es Christus, Fílius Dei vivi, qui in hunc mundum venísti. Et cum hæc dixísset, ábiit et vocávit Maríam, sorórem suam, siléntio, dicens: Magíster adest, et vocat te. Illa ut audívit, surgit cito, et venit ad eum: nondum enim vénerat Iesus in castéllum; sed erat adhuc in illo loco, ubi occúrrerat ei Martha. Iudæi ergo, qui erant cum ea in domo et consolabántur eam, cum vidíssent Maríam, quia cito surréxit et éxiit, secúti sunt eam, dicéntes: Quia vadit ad monuméntum, ut ploret ibi. María ergo, cum venísset, ubi erat Iesus, videns eum, cécidit ad pedes eius, et dicit ei: Dómine, si fuísses hic, non esset mórtuus frater meus. Iesus ergo, ut vidit eam plorántem, et Iudæos, qui vénerant cum ea, plorántes, infrémuit spíritu, et turbávit seípsum, et dixit: Ubi posuístis eum? Dicunt ei: Dómine, veni et vide. Et lacrimátus est Iesus. Dixérunt ergo Iudæi: Ecce, quómodo amábat eum. Quidam autem ex ipsis dixérunt: Non póterat hic, qui apéruit óculos cæci nati, facere, ut hic non morerétur? Iesus ergo rursum fremens in semetípso, venit, ad monuméntum. Erat autem spelúnca, et lapis superpósitus erat ei. Ait Iesus: Tóllite lápidem. Dicit ei Martha, soror eius, qui mórtuus fuerat: Dómine, iam fetet, quatriduánus est enim. Dicit ei Iesus: Nonne dixi tibi, quóniam, si credíderis, vidébis glóriam Dei? Tulérunt ergo lápidem: Iesus autem, elevátis sursum óculis, dixit: Pater, grátias ago tibi, quóniam audísti me. Ego autem sciébam, quia semper me audis, sed propter pópulum, qui circúmstat, dixi: ut credant, quia tu me misísti. Hæc cum dixísset, voce magna clamávit: Lázare, veni foras. Et statim pródiit, qui fúerat mórtuus, ligátus pedes et manus ínstitis, et fácies illíus sudário erat ligáta. Dixit eis Iesus: Sólvite eum, et sínite abíre. Multi ergo ex Iudæis, qui vénerant ad Maríam et Martham, et víderant quæ fecit Iesus, credidérunt in eum.

(Vangelo secondo Giovanni 11, 1 - 45)

Traduzione:

In quel tempo, era ammalato un certo Lazzaro di Betania, il villaggio di Maria e Marta sua sorella. Maria era quella che unse d'unguento il Signore e gli asciugò i piedi coi suoi capelli; l'infermo era Lazzaro suo fratello. Le sorelle mandarono dunque a dirgli: «Signore, ecco, colui che tu ami, è ammalato?». Ciò udito, Gesù rispose: «Questa non è infermità da morirne, ma è per la gloria di Dio, affinché per essa il Figlio di Dio sia glorificato». Or Gesù voleva bene a Maria, a Marta sua sorella, e a Lazzaro. E, come ebbe sentito che era infermo, si trattenne ancora due giorni nel luogo dov'era. Dopo di che, disse ai discepoli: «Torniamo in Giudea». Ma osservarono i discepoli: «Maestro, or ora i Giudei cercavano di lapidarti e tu ci torni?». E Gesù rispose: «Non è forse di dodici ore la giornata? Se uno cammina di giorno, non inciampa, perché vede la luce di questo mondo; ma se uno cammina di notte, inciampa, perché non ha lume». Così parlò, e dopo soggiunse: «Lazzaro, il nostro amico dorme, ma vado a svegliarlo dal sonno». Dissero perciò i discepoli: «Signore, se dorme, sarà salvo». Or Gesù aveva parlato della morte di lui, ed essi credevano che avesse parlato del sonno ordinario. Allora Gesù disse loro apertamente: «Lazzaro è morto. E di non essere stato là, ho piacere per voi, affinché crediate; ma ora andiamo da lui». Disse allora Tommaso chiamato Didimo, agli altri discepoli: «Andiamo anche noi a morir con lui». Gesù dunque andò e trovò che da quattro giorni Lazzaro era nel sepolcro. Distava Betania circa quindici stadi da Gerusalemme. E molti Giudei eran venuti da Marta e da Maria, a consolarle del loro fratello. Or Marta sentendo che Gesù veniva, gli andò incontro, Maria invece se ne stava in casa. E Marta disse a Gesù: «Signore, se tu eri qui, mio fratello non sarebbe morto. Ma anche adesso so che qualunque cosa chiederai a Dio, egli te la darà». Gesù le disse: «Tuo fratello risorgerà». Gli rispose Marta: «Lo so che risorgerà nella risurrezione dell'ultimo giorno». E Gesù: «Io sono la risurrezione e la vita: chi crede in me, anche se morto, vivrà; e chi vive e crede i me non morrà in eterno. Credi tu questo?». Rispose essa: « Si, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio vivo, che sei venuto in questo mondo». E, detto questo, andò a chiamare la sorella Maria, dicendole sottovoce: «Il Maestro è qui e ti chiama». Essa, ciò udito, si alzò in fretta e andò da lui. Or Gesù non era ancora entrato nel villaggio, ma stava sempre nel luogo dove Marta lo aveva incontrato. Ed i Giudei che stavano con Maria in casa a consolarla, avendola veduta alzarsi in fretta ed uscire, le tennero dietro, dicendo: «Va certo al sepolcro a piangere». Quando Maria giunse ove stava Gesù, vedendolo, gli si gettò ai piedi e disse: «Signore, se tu eri qui non sarebbe morto mio fratello». Gesù allora, come la vide in lacrime, e così anche i Giudei che le eran venuti dietro, ebbe un fremito in cuor suo e turbatosi disse: «Dove l'avete posto?». Gli risposero: «Signore, vieni e vedi». E Gesù pianse. Onde i Giudei dissero: «Guarda come l'amava». Ma taluni di essi dissero: «E non poteva, lui, che aprì gli occhi al cieco nato, fare che questi non morisse?». Allora Gesù, di nuovo fremendo in se stesso, giunse al sepolcro: era questo una grotta al cui ingresso era posta una pietra. Gesù disse: «Togliete la pietra». Gli disse Marta, la sorella del morto: «Signore, già puzza; perché è di quattro giorni». E Gesù a lei: «Non ti ho detto che, se credi, vedrai la gloria di Dio?». Levarono dunque la pietra. Gesù, allora, alzati gli occhi al cielo, disse: «Padre, ti ringrazio di avermi esaudito. Sapevo bene che mi esaudisci sempre; ma l'ho detto per il popolo che mi circonda; affinché creda che tu mi hai mandato». E detto questo, con gran voce gridò: «Lazzaro, vieni fuori». E uscì il morto, legati piedi e mani da fasce e col viso coperto da un sudario. E Gesù disse loro: «Scioglietelo e lasciatelo andare». Molti Giudei, che erano venuti da Maria e da Marta, allorché mirarono quel che aveva fatto Gesù, credettero in lui.


Omelia (in spagnolo):



----------------------------------------------


Segui e condividi la nuova Pagina Facebook:

giovedì 26 marzo 2020

Giovedì dopo la IV domenica di Quaresima a Toledo (Spagna)


Santa Messa bassa con predica senza concorso di popolo seguita dalla recita delle Rogazioni (in streaming).
Dalla chiesa del Salvatore a Toledo (Spagna).


LINK ALLA SANTA MESSA dal seguente profilo
verso le 10:15.



Antonio Pellegrini, La resurrezione di Naim, chiesa di Santa Maria del Giglio, Venezia, XVIII secolo.

(photo by Cameraphoto Arte Venezia)


VANGELO

In illo témpore: Ibat Iesus in civitátem, quæ vocátur Naïm: et ibant cum eo discípuli eius et turba copiósa. Cum autem appropinquáret portæ civitátis, ecce, defúnctus efferebátur fílius únicus matris suæ: et hæc vídua erat, et turba civitátis multa cum illa. Quam cum vidísset Dóminus, misericórdia motus super eam, dixit illi: Noli flere. Et accéssit et tétigit lóculum. - Hi autem, qui portábant, stetérunt - Et ait: Adoléscens, tibi dico, surge. Et resédit, qui erat mórtuus, et cœpit loqui. Et dedit illum matri suæ. Accépit autem omnes timor: et magnificábant Deum, dicéntes: Quia Prophéta magnus surréxit in nobis: et quia Deus visitávit plebem suam.

(Vangelo second Luca 7, 11 - 16)

Traduzione:

In quel tempo, Gesù andava verso una città chiamata Nàim, e con lui i suoi discepoli e una grande folla. Mentre si avvicinava alla porta della città, ecco un morto era portato a sepoltura: un figlio unico, e sua madre era vedova. E c'era con lei moltissima gente della città. Quando l'ebbe vista, il Signore ne fu mosso a pietà, e le disse: «Non piangere». Poi si accostò e toccò la bara; i portatori si fermarono; ed egli disse: «Ragazzo, io te lo dico: alzati». E il morto si levò a sedere e cominciò a parlare. E Gesù lo rese a sua madre. Allora tutti furono presi da timore, e glorificavano Dio dicendo: «Un grande profeta è sorto in mezzo a noi, e Dio ha visitato il suo popolo».


Canto all'ingresso (Attende Domine):



Omelia (in spagnolo):



----------------------------------------------


Segui e condividi la nuova Pagina Facebook:

mercoledì 25 marzo 2020

Annunciazione di NSGC alla Beata Vergine Maria a Toledo (Spagna)


Santa Messa con predica senza concorso di popolo (in streaming). In forma letta alle ore 10:30; seconda Messa alle ore 18:15. Secondi Vespri alle ore 17:45.
Dalla chiesa del Salvatore a Toledo (Spagna).


LINK ALLA SANTA MESSA dal seguente profilo
verso le 10:00.



Gentile Bellini, Annunciazione del Signore, 1475, ora al Museo Nacional Thyssen-Bornemisza a Madrid (Spagna).

(photo by Francesco Bianco)


https://www.instagram.com/p/B-JzccTiQmt/


VANGELO

In illo témpore: Missus est Angelus Gábriel a Deo in civitátem Galilææ, cui nomen Názareth, ad Vírginem desponsátam viro, cui nomen erat Ioseph, de domo David, et nomen Vírginis María. Et ingréssus Angelus ad eam, dixit: Ave, grátia plena; Dóminus tecum: benedícta tu in muliéribus. Quæ cum audísset, turbáta est in sermóne eius: et cogitábat, qualis esset ista salutátio. Et ait Angelus ei: Ne tímeas, María, invenísti enim grátiam apud Deum: ecce, concípies in útero et páries fílium, et vocábis nomen eius Iesum. Hic erit magnus, et Fílius Altíssimi vocábitur, et dabit illi Dóminus Deus sedem David, patris eius: et regnábit in domo Iacob in ætérnum, et regni eius non erit finis. Dixit autem María ad Angelum: Quómodo fiet istud, quóniam virum non cognósco? Et respóndens Angelus, dixit ei: Spíritus Sanctus supervéniet in te, et virtus Altíssimi obumbrábit tibi. Ideóque et quod nascétur ex te Sanctum, vocábitur Fílius Dei. Et ecce, Elísabeth, cognáta tua, et ipsa concépit fílium in senectúte sua: et hic mensis sextus est illi, quæ vocátur stérilis: quia non erit impossíbile apud Deum omne verbum. Dixit autem María: Ecce ancílla Dómini, fiat mihi secúndum verbum tuum.

(Vangelo secondo Luca 1, 26 - 38)

Traduzione:

In quel tempo: L’Angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, ad una Vergine sposata con un uomo della stirpe di Davide che si chiamava Giuseppe, e il nome della Vergine era Maria. Ed entrato da lei, l’Angelo disse: Ave, piena di grazia: il Signore è con te: benedetta tu tra le donne. Udendo ciò ella si turbò e pensava che specie di saluto fosse quello. E l’Angelo soggiunse: Non temere, Maria, perché hai trovato grazia davanti a Dio, ecco che concepirai e partorirai un figlio, cui porrai nome Gesù. Esso sarà grande e chiamato figlio dell’Altissimo; e il Signore Iddio gli darà il trono di Davide, suo padre, e regnerà in eterno sulla casa di Giacobbe, e il suo regno non avrà fine. Disse allora Maria all’Angelo: Come avverrà questo, che non conosco uomo ? E l’Angelo le rispose. Lo Spirito Santo scenderà in te e ti adombrerà la potenza dell’Altissimo. Perciò quel santo che nascerà da te sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco che Elisabetta, tua parente, ha concepito anch’essa un figlio, in vecchiaia: ed è già al sesto mese, lei che era chiamata sterile: poiché niente è impossibile a Dio. E Maria disse: si faccia di me secondo la tua parola.

Omelia (in spagnolo):



Messa Gragoriana
(Proprio gregoriano)


Canto del Tota Pulchra alla seconda Messa:




----------------------------------------------


Segui e condividi la nuova Pagina Facebook:

martedì 24 marzo 2020

Martedì dopo la IV domenica di Quaresima a Toledo (Spagna)


Santa Messa bassa con predica senza concorso di popolo seguita dalla recita delle Rogazioni (in streaming).
Dalla chiesa del Salvatore a Toledo (Spagna).

(photo by Pepi Tristancho)


LINK ALLA SANTA MESSA dal seguente profilo
verso le 12:15.


VANGELO

In illo témpore: Iam die festo mediánte, ascendit Iesus in templum, et docébat. Et mirabántur Iudæi, dicéntes: Quómodo hic lítteras scit, cum non didícerit? Respóndit eis Iesus et dixit: Mea doctrína non est mea, sed eius, qui misit me. Si quis volúerit voluntátem eius fácere, cognóscet de doctrína, utrum ex Deo sit, an ego a meípso loquar. Qui a semetípso lóquitur, glóriam própriam quærit. Qui autem quærit glóriam eius, qui misit eum, hic verax est, et iniustítia in illo non est. Nonne Móyses dedit vobis legem: et nemo ex vobis facit legem? quid me quæritis interfícere ? Respóndit turba, et dixit: Dæmónium habes: quis te quærit interfícere ? Respóndit Iesus et dixit eis: Unum opus feci, et omnes mirámini. Proptérea Móyses dedit vobis circumcisiónem -non quia ex Móyse est, sed ex pátribus: - et in sábbato circumcíditis hóminem. Si circumcisiónem accipit homo in sábbato, ut non solvátur lex Móysi: mihi indignámini, quia totum hóminem sanum feci in sábbato? Nolíte iudicáre secúndum fáciem, sed iustum iudícium iudicáte. Dicébant ergo quidam ex Ierosólymis: Nonne hic est, quem quærunt interfícere ? Et ecce, palam lóquitur, et nihil ei dicunt. Numquid vere cognovérunt príncipes, quia hic est Christus? Sed hunc scimus, unde sit: Christus autem, cum vénerit, nemo scit, unde sit. Clamábat ergo Iesus in templo docens, et dicens: Et me scitis et, unde sim, scitis, et a meípso non veni, sed est verus, qui misit me, quem vos nescítis. Ego scio eum, quia ab ipso sum, et ipse me misit. Quærébant ergo eum apprehéndere: et nemo misit in illum manus, quia nondum vénerat hora eius. De turba autem multi credidérunt in eum.

(Vangelo secondo Giovanni 7, 14 - 31)

Traduzione:

In quel tempo: nel bel mezzo della festa Gesù salì al tempio e si mise a insegnare. E i Giudei dicevano meravigliati: «Come sa di lettere senza averle mai studiate?». E Gesù rispose loro: «La mia dottrina non è mia, ma di chi mi ha mandato. Chi vuol fare la volontà di Lui conoscerà se la dottrina sia da Dio o se parlo da me stesso. Chi parla di sua autorità cerca la propria gloria; ma chi cerca la gloria di chi l'ha mandato, è verace, e non c'è in lui ingiustizia. Mosè non diede a voi la legge? Eppure nessuno di voi l'osserva. Perché cercate di uccidermi?». Rispose la gente: «Tu sei indemoniato; chi cerca di ucciderti?». E Gesù replicò: «Un'opera sola ho fatto e tutti ne siete meravigliati. Inoltre Mosè vi diede la circoncisione, non che essa venga da Mosè, ma bensì dai patriarchi: e voi circoncidete un uomo anche di sabato. Se circoncidendo un uomo di sabato, la legge di Mosè non è violata, vi adirate contro di me perché di sabato ho guarito un uomo tutto intero? Non giudicate secondo l'apparenza, ma giudicate con retto giudizio». Dicevano intanto alcuni di Gerusalemme: «Non è lui che cercan d'uccidere? Ed ecco, parla pubblicamente e non gli dicon nulla. Avrebbero forse i capi riconosciuto in lui il Cristo? Noi però sappiamo di dove è costui; ma il Cristo quando verrà, nessuno saprà donde sia». Allora Gesù, che insegnava nel tempio, disse ad alta voce: «Dunque conoscete me e conoscete donde sia; eppure io non sono venuto da me; ma Uno che è la stessa verità mi ha mandato, e voi non lo conoscete. Ma io lo conosco, perché sono da Lui ed egli mi ha mandato». Cercavano pertanto di prenderlo, ma nessuno gli mise le mani addosso, perché non era ancora venuta l'ora sua. Però molti della folla credettero in lui.

Omelia (in spagnolo):



----------------------------------------------


Segui e condividi la nuova Pagina Facebook:

lunedì 23 marzo 2020

Lunedì dopo la IV domenica di Quaresima


Santa Messa bassa con predica senza concorso di popolo seguita dalla recita delle Rogazioni (in streaming).
Dalla chiesa del Salvatore a Toledo (Spagna).

(photo by Alessandro Franzoni)




LINK ALLA SANTA MESSA dal seguente profilo
verso le 12:15.



Jacopo da Ponte Bassano, Gesù scaccia i mercanti dal Tempio, 1600 ca.

(photo by Francesco Bianco)

VANGELO

In illo témpore: Prope erat Pascha Iudæórum, et ascéndit Iesus Ierosólymam: et invénit in templo vendéntes boves et oves et colúmbas, et nummulários sedéntes. Et cum fecísset quasi flagéllum de funículis, omnes eiécit de templo, oves quoque et boves, et nummulariórum effúdit æs et mensas subvértit. Et his, qui colúmbas vendébant, dixit: Auférte ista hinc, et nolíte fácere domum Patris mei domum negotiationis. Recordáti sunt vero discipuli eius, quia scriptum est: Zelus domus tuæ comédit me. Respondérunt ergo Iudæi, et dixérunt ei: Quod signum osténdis nobis, quia hæc facis? Respóndit Iesus et dixit eis: Sólvite templum hoc, et in tribus diébus excitábo illud. Dixérunt ergo Iudæi: Quadragínta et sex annis ædificátum est templum hoc, et tu in tribus diébus excitábis illud? Ille autem dicébat de templo córporis sui. Cum ergo resurrexísset a mórtuis, recordáti sunt discípuli eius, quia hoc dicébat, et credidérunt Scriptúræ, et sermóni, quem dixit Iesus. Cum autem esset Ierosólymis in Pascha in die festo, multi credidérunt in nómine eius, vidéntes signa eius, quæ faciébat. Ipse autem Iesus non credébat semetípsum eis, eo quod ipse nosset omnes, et quia opus ei non erat, ut quis testimónium perhibéret de hómine: ipse enim sciébat, quid esset in hómine.

(Vangelo secondo Giovanni 2, 13 - 25)

Traduzione:

In quel tempo: essendo prossima la Pasqua dei Giudei, Gesù salì a Gerusalemme. E trovò nel tempio venditori di bovi, di pecore e di colombe e cambiamonete ai loro banchi. E fatta una sferza di cordicelle, li scacciò tutti dal tempio con le pecore e i bovi, sparpagliò il danaro dei cambiamonete, e ne rovesciò i banchi. Disse poi ai venditori di colombe: «Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio una casa di mercato». Allora i suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: «Lo zelo della tua casa mi fa ardere». Ma i Giudei rivoltisi a lui gli dissero: «Qual segno ci mostri per far queste cose?». E Gesù rispose loro: «Disfate questo tempio ed in tre giorni lo rimetterò di nuovo in piedi». Ed i Giudei gli dissero: «Quarantasei anni ci son voluti per fabbricare questo tempio e tu lo farai sorgere in tre giorni?». Ma egli parlava del tempio del suo corpo. Quando poi fu risuscitato da morte, i suoi discepoli ricordarono come egli avesse ciò detto, e credettero alla Scrittura ed alle parole di Gesù. Mentre egli era in Gerusalemme, alla festa di Pasqua, molti, vedendo i prodigi che faceva credettero nel suo nome. Ma Gesù non si affidava ad essi, perché li conosceva tutti; e non aveva bisogno che altri gli desse informazioni sull'uomo, sapendo da sé quello che vi fosse nell'uomo.

Omelia (in spagnolo):



----------------------------------------------


Segui e condividi la nuova Pagina Facebook:

domenica 22 marzo 2020

Atto di Affidamento della città e diocesi di Vicenza alla Madonna di Monte Berico - 24 marzo


Preoccupato per l’aggravarsi della situazione sanitaria e sociale anche nei nostri territori, ma confortato dalle tante manifestazioni di fede, preghiera e carità fraterna che pure in questi tempi di limitazione della pratica religiosa fioriscono tra la gente come segno di speranza, il Vescovo di Vicenza mons. Beniamino Pizziol invita tutti i fedeli a rinnovare con lui in forma pubblica e solenne l’Atto di affidamento della città e della diocesi di Vicenza alla Madonna di Monte Berico.
Martedì 24 marzo alle 20.30, nei primi vespri della solennità dell’Annunciazione, il Vescovo salirà al Santuario di Monte Berico per elevare, a nome di tutta la Chiesa che è in Vicenza, la preghiera di supplica alla Madre della Misericordia affinché intervenga in favore dell’umanità, aiutandoci a sconfiggere questa pandemia che ci affligge generando angoscia, sofferenze e lutti. La preghiera avverrà necessariamente a porte chiuse, ma sarà trasmessa da Radio Oreb (fm 90.20) e da TeleChiara.
Fin dall’apparizione delle Vergine sul Monte Berico durante l’epidemia di peste del 1426, i vicentini sempre sono tornati a cercare protezione sotto il manto della Madonna, soprattutto nei momenti più tribolati della loro storia: epidemie, carestie, terremoti, guerre... Una devozione che ha varcato i confini della nostra città, coinvolgendo tutto il Veneto e arrivando, con i nostri emigranti, a far conoscere la Madonna di Monte Berico in tutta Italia e in molti Paesi lontani, dall’Europa alle Americhe.
Nel compiere questo importante atto di affidamento, la Diocesi si impegna, non appena sarà possibile, a realizzare una nuova opera caritativa a servizio delle persone che arrivano da fuori città per assistere ed essere vicini ai propri cari ammalati e hanno bisogno di un luogo in cui poter pernottare e prepararsi i pasti.
Le autorità civili del nostro territorio esprimeranno la loro partecipazione a questo momento di preghiera attraverso un video messaggio.
Il testo della preghiera sarà presto disponibile nel sito web della Diocesi berica (qui di seguito).



Preghiera

Santissima Vergine Maria,
nostra Madonna di Monte Berico,
Madre di Misericordia, Salute degli infermi,
ancora una volta, smarriti e impauriti,
ci affidiamo, con amore filiale, alla tua potente intercessione.
Tante volte tu ci hai protetto sotto il tuo manto,
soprattutto nei momenti più tribolati della nostra storia,
a causa di pestilenze, carestie, terremoti e guerre.
Rivolgi ora il tuo sguardo misericordioso alla terra vicentina,
alla nostra regione, all’Italia e al mondo intero:
ascolta ed esaudisci la nostra preghiera!

Madonna di Monte Berico: prega per noi!


Atto di Affidamento

Ti affidiamo le nostre famiglie,
gli anziani, i piccoli, i giovani,
le persone sole, in carcere o senza dimora:
fa sentire loro la solidarietà e l’amore dei fratelli
per affrontare con fiducia e responsabilità
questa malattia contagiosa.
Madonna di Monte Berico: prega per noi!
Ti affidiamo gli ammalati
che sono negli ospedali,
nelle case di riposo, nelle comunità di accoglienza
e coloro che sono isolati nelle proprie case:
dona loro guarigione e sollievo nel corpo e nello spirito.
Madonna di Monte Berico: prega per noi! 
Ti affidiamo i medici, gli infermieri, gli operatori sanitari,
i volontari e le forze dell’ordine,che combattono questo male:
dona loro resistenza e, assistiti dalla tua protezione,
compiano con serenità e umanità la loro missione.
Madonna di Monte Berico: prega per noi!
Ti affidiamo i ricercatori, i virologi, gli scienziati:
illumina le loro menti e i loro cuori
affinché possano trovare i rimedi a questa drammatica pandemia.
Madonna di Monte Berico: prega per noi!
Ti affidiamo gli operatori sociali, i lavoratori, gli imprenditori:
sostieni le loro attività e anche le loro interruzioni di lavoro
in vista di una solida e feconda ripresa a vantaggio di tutti.
 Madonna di Monte Berico: prega per noi!
Ti affidiamo gli insegnanti, gli alunni e il personale di tutte le scuole:
sappiano valorizzare questo tempo
per continuare il loro cammino di formazione,
restando in modo nuovo comunità educante. 
Madonna di Monte Berico: prega per noi!
Ti affidiamo coloro che sono chiamati
a prendere le decisioni per il bene comune,
i governanti locali e nazionali:
dona loro saggezza e determinazione
per compiere le scelte più giuste.
Madonna di Monte Berico: prega per noi!




----------------------------------------------


Segui e condividi la nuova Pagina Facebook: